L’Azienda

L’Azienda Agricola Boschi Chiara nasce nel 1999 da un sogno dall’omonima fondatrice che, assieme alla mamma Eugenia, si tuffa in un’avventura totalmente nuova: passare dal mondo della grafica pubblicitaria a quello dell’agricoltura, il tutto sotto la bandiera del “biologico”. Il podere Zampiera Vecchia è a Cantalupo, a due passi dal casello autostradale di Imola, e dopo decenni dedicati alla viticultura, sotto la guida della amata nonna Caterina, Chiara opta per una scelta drastica e coraggiosa: passare dall’agricoltura convenzionale a quella bio.

Az Agricola CBAzienda Agricola Boschi Chiara Bio Raccolta Pesche

 

 

 

 

 

 

L’azienda, interamente certificata ICEA, produce a rotazione basilico da semegranofavinofragole. Attualmente la superficie coltivata è di 12 ettari, suddivisi tra seminativobasilicofragole clery e le succosissime pesche percoche (Romea a luglio e Baby9 a fine agosto).

Sono presenti nell’azienda siepi e boschetti necessari a mantenere l’equilibrio dell’agroecosistema, all’interno dei quali crescono ciliegi e susine. Intorno all’aia sono coltivate piante aromatiche e lavandaalberi di nocifichi e i cosiddetti frutti dimenticati, come le giuggiole, le mele cotogne, i  cachi e le nespole.

chiara boschi nel campo

Nel 2012 Chiara decide di convertire una parte della produzione di pesche in confetture, succhi e pesche sciroppate, con il desiderio di fare arrivare in tutte le case questo prodotto sano e lavorato artigianalmente. Il risultato è strabiliante: dopo i consensi di parenti e amici, i prodotti dell’Azienda vengono inseriti anche nel menu di un noto locale imolese che sostituisce il succo alla pesca classico con quello bio. I riscontri positivi hanno seguito anche nei mercatini specializzati, tanto che Chiara nel corso del 2013 ha inserito nuovi interessantissimi prodotti: confettura e succo alla giuggiola, confettura alla mela cotogna, confettura alla susina, pesto alle noci, fichi caramellati, pesche caramellate, pesche sciroppate all’Albana e tanto altro.
A seguito della crescente richiesta, una parte dei prodotti sono stati lavorati senza l’aggiunta di zucchero di canna ma dolcificato con succo concentrato d’uva.